Lunedì 10 Agosto 2020
Mercoledì, 11 Marzo 2020 10:57

Ciaspolata Maulone - Alpe Solcio - Rifugio Crosta

Vota questo articolo
(6 Voti)
Rifugio in vista, scultura in legno Rifugio in vista, scultura in legno Mario Parietti

Itinerario per ciaspole e scialpinismo da Maulone all'alpe Solcio dove si trova il rifugio Crosta.

Siamo a Maulone di Sotto, frazione di Varzo, spiazzo gratuito per parcheggiare all'inizio della strada consortile, dove parte l'escursione.

Come arrivare: una volta presa la SS del Sempione si esce a Varzo centro (pochi chilometri dopo lo svincolo per alpe Devero e Formazza) andando a sinistra al primo bivio per poi seguire le indicazioni per San Domenico; lungo la strada che da Varzo sale a san Domenico, prima del bivio per Trasquera c'è la strada che porta all'alpe Solcio (sulla destra c'è anche una piccola cappelletta votiva), subito dopo c'è un ampio spiazzo per lasciare l'automobile. Link alla mappa Google

Dopo un paio di ciaspolate in valle Formazza eccomi con un itinerario invernale in valle Di Vedro con partenza dalla frazione di Maulone, nel Comune di Varzo per raggiungere il rifugio Crosta del Cai Gallarate; la ciaspolata, dal punto di vista delle difficoltà tecniche, è elementare in quanto si svolge su un tracciato normalmente battuto sviluppandosi lungo la strada consortile che porta all'alpe Solcio, senza tratti particolarmente ripidi o insidiosi traversi; bisogna comunque essere abbastanza allenati perché il dislivello complessivo è di circa 830 m per 16 chilometri tra andata e ritorno.

Rifugio Crosta, meta della ciaspolata descritta
Rifugio Crosta, meta della ciaspolata descritta

La ciaspolata da Maulone per alpe Solcio e rifugio Crosta è un itinerario invernale classico molto conosciuto, adatto e frequentato anche da scialpinisti; è sabato (durante la notte verrà emanato il decreto anti corona virus che renderà zone rosse VCO e provincia di Novara) e viste le previsioni meteo favorevoli, a seguito delle nevicate avvenute in settimana anche a quote abbastanza basse, sono ben felice di fare questo percorso che programmavo da tempo. In effetti le temperature sono salite e risalendo la valle da Varzo mi rendo subito conto che la neve caduta in basso è già sciolta e si potranno calzare le ciaspole parecchio a monte dell'inizio del tracciato.

Maulone di Varzo (950 m s.l.m.) - Rifugio Crosta (1754 m. s.l.m.)

Quando raggiungo il parcheggio, subito dopo il bivio per l'alpe Solcio, sono circa le 9 e sono appena arrivati altri escursionisti poco prima di me; la preparazione, come sempre nel periodo invernale, è un po' più lunga e comprende anche la protezione delle zampette di Ambra con grasso.

Ambra gioca nella neve all'alpe Solcio
Ambra gioca nella neve all'alpe Solcio, zampette protette con abbondante grasso

L'itinerario è da subito segnalato con indicazioni precise e presenta per un lungo tratto iniziale punti dove è presente neve e ghiaccio alternati a tracce d'asfalto nelle zone raggiunte dal sole, il consiglio è ovviamente quello di non avere fretta ad indossare le ciaspole.

Tutto il percorso attraversa numerosi alpeggi sempre ben indicati, tra cui i suggestivi Ple e Solera nella prima parte. Da segnalare ben visibili nel bosco numerosi muretti a secco che vanno a formare terrazzamenti ampiamente invasi dalla vegetazione.

Proprio all'alpe Solera c'è una prima possibilità (segnalata) di lasciare il percorso che segue la strada per prendere una scorciatoia nel bosco, una seconda (indicata come direttissima) la s'incontra poco oltre. Più o meno all'altezza di un cartello che indica che il percorso per il rifugio Crosta è battuto, inizia a esserci abbastanza neve fresca ed indosso le ciaspole. La salita non è mai ripida e tutti i bivi che s'incontrano hanno indicazioni chiare per la nostra meta. Finalmente, dopo quasi 8 chilometri di cammino, si cominciano ad incontrare alcune baite che precedono di poco il cartello di alpe Solcio. Il rifugio s'intravede dopo un ulteriore tratto di salita: il paesaggio finalmente ricco di neve (ormai siamo arrivati a quasi 1800m) è davvero fantastico ed io mi perdo in numerose fotografie.

All'alpe Solcio, finalmente, tanta neve fresca
All'alpe Solcio, finalmente, tanta neve fresca

Molto interessanti alcune sculture in legno in particolar modo quella a pochi metri dal Crosta: un intero tronco è stato scolpito con le immagini di scalatori dallo scultore Mario Stormo in ricordo dei Fratelli Boniche primi salitori il 31 luglio del 1932 del Torrione del Vallone di Solcio.

Particolare della scultura all'alpe Solcio
Particolare della scultura all'alpe Solcio

All'esterno del rifugio Crosta, dove si ha anche modo di ammirare una bella vista sulla valle, faccio una sosta mangereccia visto che all'interno i cani non sono ammessi.

Per il ritorno si fa lo stesso percorso fatto per salire.  

 

  • Se camminare con le racchette da neve è pratica di moda e sempre più diffusa, la coltre bianca regala al paesaggio atmosfere spesso fantastiche che sono bellissime da fotografare: sul sito un'apposita sezione è dedicata proprio alle escursioni con le ciaspole (Link).
  • Se vuoi esplorare il territorio del Verbano vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: trovi eventi e manifestazioni, escursioni, ci sono punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanità, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato. 
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito!   

Articolo scritto da Mario Parietti fotografo professionista di Luino provincia di Varese e responsabile del sito lago Maggiore e Dintorni. Archivio fotografico di migliaia di immagini sul lago Maggiore, provincia di Varese, canton Ticino, provincia di Verbania e provincia di Novara.

 

Letto 582 volte Ultima modifica il Giovedì, 02 Luglio 2020 09:06
Altro in questa categoria: « Ciaspolata Riale - alpe Furculti

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6

Vi consigliamo...

Più popolari