Domenica 21 Luglio 2019
Lunedì, 02 Gennaio 2017 00:00

Ponte Falmenta – Crealla – Falmenta – Ponte Falmenta

Vota questo articolo
(4 Voti)
Crealla visto da Falmenta Crealla visto da Falmenta Mario Parietti

Bellissima passeggiata ad anello in valle Cannobina alla scoperta di Crealla e Falmenta.

Siamo a Ponte Falmenta sulla SP75 che collega Cannobio ed il lago Maggiore con Malesco e la valle Vigezzo; possibilità di parcheggio sulla strada.

Come arrivare a Ponte Falmenta: frazione di Cavaglio Spoccia si raggiunge risalendo la valle Cannobina da Cannobio; l'inizio del sentiero si trova, segnalato sulla provinciale.

Ponte Falmenta ( 433 m s.l.m.) - Crealla (627 m s.l.m.) - Falmenta (678 m s.l.m.) - Ponte Falmenta - Interessante anello sulle antiche vie di collegamento tra i paesi della valle Cannobina.

Era davvero da parecchio tempo che volevo visitare Crealla, frazione di Falmenta, raggiungibile, fino a pochi anni or sono, solamente a piedi, ci sono riuscito nel tardo autunno, in una giornata parzialmente nuvolosa, non proprio il massimo dal punto di vista fotografico. Conto di tornarci in una stagione più favorevole anche se i luoghi sono comunque meritevoli di visita in qualsiasi stagione; l'itinerario ad anello proposto ripercorre le antiche mulattiere che collegavano il vecchio alpeggio di Traffiume alla “civiltà”, normali vie di comunicazione, prima che fosse costruita la strada asfaltata che, passando per Falmenta, conduce alle porte del paese. Salvo abbondanti nevicate è fattibile tutto l'anno e non presenta particolari difficoltà.

Di fianco ad una bella costruzione dove s'intravede ancora la scritta “Trattoria della Posta” si trovano i cartelli con le indicazioni dei sentieri, tra le varie mete anche la “nostra” Crealla a 0,40 minuti. L'itinerario, attraversato il rio Cannobino con una passerella, è da subito di grande suggestione: il fondovalle presenta la confluenza dei torrenti Falmenta e Crealla nel Cannobino, mentre bastioni di roccia, acque impetuose e due bei ponti in pietra d'attraversare completano il paesaggio.

S'inizia subito a salire ammirando la mulattiera realizzata in buona parte con scalini di sasso, immane lavoro di fatica ancora ben conservato nella maggior parte dei sentieri che collegano i comuni della valle Cannobina. Si attraversa il bosco, ricco di castagni, con qualche scorcio panoramico su Falmenta fino a giungere alle porte di Crealla con tempi in linea con quelli del cartello iniziale.

Abbecedario murale a Crealla
L'abbecedario murale di Crealla

Crealla è ricca di angoli caratteristici e racconta la sua storia antica: sorta come alpeggio di Traffiume attorno al 1600 (ma non si esclude una presenza umana molto più antica) il paese ha vissuto fino al 2005 senza alcun collegamento stradale e rimane ancora oggi interamente pedonale. Conta attualmente una ventina di abitanti ed è ricca di numerose “seconde case” che si animano nel periodo estivo; tra le curiosità un'abbecedario murale, nei pressi della chiesa parrocchiale, che fungeva da scuola all'aperto quando ancora non esisteva l'edificio in muratura. A Crealla c'è anche un museo: il “piccolo museo del Gildo” con apertura estiva: raccoglie diversi attrezzi ed oggetti di vita quotidiana e si trova a monte poco sotto il parcheggio della recente strada asfaltata.

Per altre foto, oltre a quelle presenti nella galleria, vi rimando all'articolo dedicato alla via dei presepi, manifestazione natalizia che prevede l'istallazione di decine di natività in ogni angolo del borgo.

Indicazioni a Crealla
"Cartelli" di pietra a Crealla

Il sentiero per Falmenta si trova di fianco al cimitero, poco sotto la chiesa e regala altre suggestioni. Si perde dapprima dislivello, sempre nel bosco, fino ad arrivare al ponte dei Giubboi che attraversa il rio Falmenta e rappresenta l'inizio della risalita verso Falmenta: ancora una volta la mulattiera si lascia ammirare per i suoi scalini ed infrastrutture in legno e pietra (sul percorso si trova anche un cartello che racconta le tecniche costruttive). Falmenta si raggiunge in circa un'ora di cammino ed è molto più bella ed interessante di quanto sembri raggiungendo la strada asfaltata. In buona parte pedonale, oltre al bellissimo panorama sulla valle Cannobina, Crealla e monte Zeda, è ricca di punti d'interesse segnalati da pannelli nei pressi del parcheggio alle porte del paese: l'antico torchio, il lavatoio, il portone spagnolo, gli affreschi, il campanile, oltre a numerosi angoli caratteristici che si scoprono gironzolando per le sue piccole vie.

Il portone spagnolo a Falmenta
Il portone spagnolo a Falmenta

L'itinerario prosegue attraversando il paese verso destra, seguendo le indicazioni per Ponte Falmenta: dopo il lavatoio si passa di fianco al cimitero fino a raggiungere la strada provinciale che con ampi tornanti scende verso la SP75. Le possibilità di “taglio” sono numerose e segnalate dai classici bolli bianchi e rossi. La passeggiata è anche un viaggio nella memoria della lotta Partigiana come ricordato da alcuni pannelli: la valle Cannobina, al confine con la Svizzera, fu teatro di guerra con i nazifascisti nei mesi della Liberazione, dalla fine del 1943 alla primavera estate 1944. Tra i tanti episodi tragici dell'intero territorio della valle alcuni avvennero proprio tra Falmenta e Ponte Falmenta, confine per un certo periodo della zona libera della Repubblica dell'Ossola. Un itinerario escursionistico, ”il sentiero Cucciolo” dedicato al Partigiano diciassettenne Ubaldo Cavallasca - Cucciolo – ucciso con altri sei compagni all'alpe Fornà di Falmenta, ripercorre i luoghi principali dei tragici avvenimenti storici con percorso che da Cannobio passa per Trarego, Socraggio, Crealla, monte Zeda, Falmenta, Lunecco, Gurrone, Monte Limidario, l'Agher e Cinzago.

Il nostro giro ad anello, molto più breve, prevede, una volta raggiunta la provinciale di seguirla per alcune centinaia di metri in direzione Cannobio fino a ritrovare il punto di partenza a Ponte Falmenta.

  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: ci sono punti d'interesse, escursioni, itinerari sulla linea Cadorna, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato per il sito.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito! 
  • Se sei titolare di un'attività caratteristica, di un bed and breakfast, ristorante o albergo puoi avere un articolo di presentazione nelle apposite sezioni del sito raggiungendo un pubblico selezionato interessato al territorio (alcune informazioni e contatti a questo Link).

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 5 ore Ca. per l'intero anello comprese le soste e le numerose foto a Crealla e Falmenta
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Facile
  • VALLE/LUOGO: Valle Cannobina
  • LUOGO DI PARTENZA: Ponte Falmenta
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 550 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 8,4 Km Ca.
  • PERIODO CONSIGLIATO: Tutto l'anno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Nessun problema segnalato, tratti al guinzaglio
  • INTERESSE: panoramico culturale naturalistico didattico
Letto 3994 volte Ultima modifica il Martedì, 06 Febbraio 2018 16:59

Galleria immagini

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
5
Data : 2019-07-05
6
Data : 2019-07-06
10
11
20
Data : 2019-07-20

Vi consigliamo...

Più popolari