Lunedì 20 Gennaio 2020
Lunedì, 03 Ottobre 2016 00:00

Alpe Bocchetta - Villa Aprilia - Colle d'Egua

Vota questo articolo
(8 Voti)
Villa Aprilia sul colle Baranca Villa Aprilia sul colle Baranca Mario Parietti

Splendida escursione in valle Anzasca verso il colle d'Egua, con visita ai ruderi di villa Aprilia.

Siamo all'alpe Bocchetta, piccolo spiazzo per parcheggiare gratuitamente.

Come arrivare: si percorre la SS del Sempione, uscita Piedimulera direzione valle Anzasca Macugnaga; a Pontegrande si svolta a sinistra verso Bannio Anzino e si continua in direzione Alpe Soi dove termina la strada asfaltata e ci sono alcune possibilità di parcheggio. Attenzione alla strada piuttosto stretta e senza barriere protettive (nell'ultimo tratto).

 

Alpe Bocchetta (1022 m s.l.m.) - Alpe Selle (1824 m s.l.m.) - Colle Baranca (1810 m s.l.m.) - Colle d'Egua croce (2249 m s.l.m.)

Quando a Piedimulera si risale la valle verso Macugnaga, il panorama ad un certo punto comincia ad offrire meravigliose viste del monte Rosa: svoltare a sinistra ed abbandonare quella direzione iniziale, verso il punto di partenza dell'escursione di oggi, mette un po' di tristezza perché quella meta rappresenta davvero una grande attrazione, ma basta già solo il tratto di strada asfaltata per immergersi in luoghi davvero molto belli che non faranno per nulla rimpiangere la famosa alternativa appena abbandonata. La gita è infatti davvero molto appagante dal punto di vista paesaggistico, escursionistico ed anche storico per la presenza dei resti di Villa Aprilia, incendiata dai tedeschi nel corso della seconda guerra mondiale.

Lasciata l'auto dove termina il tratto asfaltato si prosegue sull'ampia gippabile che costeggia il torrente Olocchia fino ad arrivare a Piè di Baranca (c'è un ampio spiazzo e volendo si può parcheggiare anche qui) dove si attraversa il ponte seguendo le indicazioni per il colle d'Egua, (segnalato a 3 ore e 30 minuti: io ci metterò un'ora circa in più ma ho deviato verso il colle Baranca per visitare Villa Aprilia ed ho fatto davvero molte fotografie) iniziando a salire. La prima parte della passeggiata è nel bosco, si attraversano alcuni alpeggi fino ad arrivare ad un bel pianoro, l'alpe Oreto e proseguire verso colle Baranca e Colle d'Egua. Fatti pochi minuti di sentiero si giunge ad un bivio dove si prosegue verso l'alpe Selle e dove m'imbatto nella prima parte di un gregge che, come mi dirà poi il pastore conta oltre 1200 tra capre e pecore.

Gli animali al pascolo con relativi cani pastore sono uno degli elementi che caratterizzano l'escursione, arricchiscono il paesaggio ma possono creare anche qualche timore a chi come me è accompagnato dal proprio amico a quattro zampe.

Il numeroso gregge all'alpe Selle
Il numeroso gregge all'alpe Selle

Sono incontri abbastanza normali per chi va in montagna ma che impongono alcune norme comportamentali: il proprio cane va tenuto rigorosamente al guinzaglio, si deve proseguire per la propria strada senza correre, gesticolare o fare movimenti bruschi incuranti dell'avvicinarsi dei cani pastore che non vanno comunque fissati perché potrebbero interpretare il nostro sguardo come fosse di sfida.

Il gregge con il pastore all'alpe Selle
Il gregge con il pastore all'alpe Selle, in bianco e nero

In caso di greggi numerosi sono comunque presenti i pastori che sanno ben gestire e richiamare i propri cani. All'alpe Selle arrivo camminando tra capre e pecore con queste ultime che affollano l'abbeveratoio. Il panorama è davvero incantevole con diverse baite in discrete condizioni, il lago sottostante ed il colle Baranca dove si cominciano a scorgere i resti della villa di cui parlavo all'inizio. E' una deviazione assolutamente imperdibile rispetto al sentiero che sale verso il colle d'Egua: costruita all'inizio del '900 dall'imprenditore Vincenzo Lancia (creatore dello storico marchio di automobili, in seguito acquistato dalla Fiat) in stile Liberty, la villa venne quasi rasa al suolo dai tedeschi nel corso del secondo conflitto Mondiale, in quanto rifugio dei Partigiani.

Villa Aprilia sul colle Baranca
I resti di Villa Aprilia

L'Ossola fu ampiamente interessata da vicende di guerra e questo angolo di Piemonte rappresentava un'importante via di comunicazione con la Valsesia. I resti della villa in una posizione panoramica davvero invidiabile rendono l'idea di quanto potesse essere bella prima della distruzione;

Panorama sull'alpe Selle
Alpe Selle da villa Aprilia

lasciatala si torna al bivio con l'ultima parte dell'escursione che porta al colle d'Egua. E' ben segnalata, come del resto tutto l'itinerario ed affascinante anche se un bel po' di nuvole hanno coperto il sole. Dal bivio c'impiego circa un'ora e trenta, il sentiero presenta alcuni tratti un pochino ripidi alternati ad altri meno faticosi, non ha passaggi particolarmente esposti. Sulla cima è presente un bivacco ed una croce è stata posta a memoria dei pastori della valle d'Egua e delle valli circostanti. Per il ritorno ho utilizzato gli stessi sentieri fatti all'andata.

 Per altre bellissime escursioni sul Verbano e nelle sue splendide valli puoi seguire questo Link.  

  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: ci sono punti d'interesse, escursioni, aree verdi, ville, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato per il sito.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito!
  • Se sei titolare di un'attività caratteristica, di un bed and breakfast, ristorante o albergo puoi avere un articolo di presentazione nelle apposite sezioni del sito raggiungendo un pubblico selezionato interessato al territorio (alcune informazioni e contatti a questo Link). 

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 7 ore 30 minuti Ca. tra andata e ritorno comprese le soste
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Adatto a tutti
  • VALLE/LUOGO: Valle Anzasca
  • LUOGO DI PARTENZA: Alpe Bocchetta, Bannio Anzino (Vb)
  • PARCHEGGIO: Piccolo e gratuito
  • DISLIVELLO: 1300 mt. Ca.
  • PERIODO CONSIGLIATO: Primavera, Estate, Autunno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Attenzione alle greggi
  • INTERESSE: panoramicostoriconaturalistico
Letto 4670 volte Ultima modifica il Martedì, 06 Febbraio 2018 17:27

Galleria immagini

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

Vi consigliamo...

Più popolari