Friday 4 December 2020
Tuesday, 04 August 2020 14:34

Macugnaga - Alpe Bill - Monte Moro - Madonnina

Rate this item
(6 votes)
Il sentiero per il Monte Moro, passando sotto la funivia Il sentiero per il Monte Moro, passando sotto la funivia Mario Parietti

Splendida passeggiata in valle Anzasca per raggiungere la madonnina in vetta al Monte Moro

Siamo a Macugnaga, parcheggio pubblico gratuito a due passi dall'inizio del sentiero non lontano dalla chiesa Vecchia col tiglio secolare

Come  arrivare: percorrendo la strada statale del Sempione si prende l'uscita ben segnalata per Macugnaga e si continua risalendo la valle Anzasca fino a raggiungere le varie frazioni di cui è composto il Comune; poco prima di arrivare a Pecetto, dove la strada termina con un ampio parcheggio a pagamento si svolta a destra dove si trovano dei parcheggi liberi. Per raggiungere l'imbocco del sentiero si prende la stradina che porta a Staffa e alla chiesa vecchia con il tiglio secolare (proprio di fianco all'ultimo parcheggio), il bivio si trova subito dopo aver attraversato il torrente Tambac (svolta a sinistra).

Percorrere i sentieri che da Macugnaga, località Staffa, portano al monte Moro e al relativo passo significa realizzare un itinerario storico: fu attraverso questa via che i walser colonizzarono quest'angolo di valle Anzasca proseguendo poi nel loro cammino verso la Valsesia raggiunta dal passo del Turlo (la strada completamente lastricata in sasso è un'opera davvero impressionante).

Chiesa Vecchia e tiglio secorare di Staffa
Chiesa Vecchia e tiglio secorare di Staffa: a poche decine di metri da qui inizia il sentiero per il monte Moro

Sia Macugnaga che Alagna Valsesia sono ricchissime di testimonianze di questo popolo a cominciare dalle abitazioni, per continuare con la lingua ma anche il cibo oltre ad usi e costumi. Il monte Moro è cosa completamente diversa d'allora vista la presenza della funivia e di tutte le infrastrutture che ne hanno fatto una meta turistica frequentata d'estate e d'inverno ma l'escursione pur nel suo sviluppo altimetrico non indifferente (all'incirca 1550 metri dislivello considerando di raggiungere la Madonnina delle Nevi) è davvero molto bella per i meravigliosi panorami al cospetto del monte Rosa.

Al di la del generoso dislivello il percorso non presenta grandi difficoltà ed è sempre ben segnalato, attenzione ai nevai che ovviamente in base alla stagione di salita potrebbero creare qualche problema (io sono salito a fine luglio ed ho trovato brevi tratti innevati solo nell'ultimissima parte dell'escursione); la salita alla madonnina delle Nevi è facilitata da scalini e da corde. 

La chiesa Vecchia a Staffa con il tiglioed il cimiter
La chiesa Vecchia a Staffa con il tiglioed il cimitero, salendo all'alpe Bill

Chi volesse accorciare il dislivello può sfruttare la stazione intermedia della funivia dell'alpe Bill che lima il dislivello di quasi 350 m. 

A questo link l'articolo dedicato alla funivia Staffa - Alpe Bill - Monte Moro con info e orari

Descrizione della passeggiata

Individuato l'inizio del sentiero (dettagli in capo all'articolo) si rimane brevemente paralleli al torrente per addentrarsi presto nel bosco di conifere ed iniziare l'ascesa verso l'alpe Bill (il cartello escursionistico riporta 4,15 h per raggiungere il passo, abbastanza simile al tempo che impiegherò io). L'ampia mulattiera scalinata risale in maniera decisa il bosco incrociando dopo una quindicina di minuti il rifugio Scarteboden (dove quest'anno si è tenuta una tappa di Musica in Quota). Continuando a salire si raggiunge un belvedere dove si può rifiatare perché il tracciato spiana per alcuni metri e il panorama su Macugnaga e Monte Rosa non è niente male.

Panorama su Macugnaga dalla mulattiera per l'alpe Bill
Panorama su Macugnaga dalla mulattiera per l'alpe Bill

L'ampia mulattiera ad un certo punto piega a destra e diventa sentiero, attraversa un ruscello e giunge fuori dal bosco all'alpe Bill dove si raggiunge la stazione intermedia della funivia (io ho impiegato circa 45 minuti).

Panorama all'alpe Bill, appena sopra la stazione intermedia della funivia
Panorama all'alpe Bill, appena sopra la stazione intermedia della funivia

 

Evitato il bivio con il sentiero verso destra per l'alpe Meccia si continua nell'ascesa con un panorama sempre più aperto e i larici che via via si fanno più rari. Superato un ulteriore incrocio con la deviazione per l'alpe Sonobierg il sentiero passa sotto la funivia che porta al passo Moro (1 ora e 15 minuti circa dall'alpe Bill) per deviare verso sinistra e salire verso gli impianti invernali di risalita delle piste da sci.

Parapendio nel cielo sopra il monte Moro
Parapendio nel cielo sopra il monte Moro

La vegetazione è sempre più rada e l'ultimo tratto (si ritorna a passare sotto la funivia) è tutto su pietraie con bolli abbondanti che indicano il percorso da seguire con tratti provvidenzialmente scalinati che facilitano la salita. La sagoma del rifugio Oberto Maroli compare abbastanza presto ma prima di raggiungerlo bisogna stringere i denti e superare uno o più nevai (a seconda della stagione ovviamente); dalla partenza io impiego 4 ore scarse.

Il lago Smeraldo poco sopra il rifugio del CAI
Il lago Smeraldo poco sopra il rifugio del CAI Oberto Maroli

Alle spalle della struttura si continua a salire verso la Madonnina delle Nevi con un percorso attrezzato subito ben evidente passando di fianco al bel laghetto Smeraldo: ci sono scale in legno e metallo complete di cordini che rendono l'ascesa sicura e possibile anche ai bambini (proprio sotto la madonnina c'è un bel gruppo di ragazzini tedeschi, alcuni piuttosto piccoli).

La meta della giornata: la Madonnina del monte Moro
La meta della giornata: la Madonnina del monte Moro

L'immensità del paesaggio e la splendida vista sulla Saastal svizzera ripagano della fatica. La statua raffigurante la Madonna delle Nevi è stata realizzata dallo scultore Giuseppe Banda di Samarate e la sua inaugurazione avvenne nell'agosto del 1966.

Il rientro a Macugnaga avviene per lo stesso percorso (chi volesse evitare la discesa può ovviamente utilizzare la funivia, link per info e orari).

Per chi volesse acquistare la mappa della zona con questo itinerario è ottima la cartina escursionistica della Geo4map acquistabile su amazon seguendo il link

 

  • L'itinerario da Macugnaga alla Madonnina del Monte Moro è soltanto una delle numerose escursioni presenti sul sito, fatta e fotografata appositamente per questo progetto; seguendo questo Link ne trovi molte altre, nelle valli piemontesi, sulle Prealpi varesine e nel territorio del canton Ticino.
  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: oltre alle escursioni ci sono punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanitò, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato. 
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito.

Articolo scritto da Mario Parietti fotografo professionista di Luino provincia di Varese e responsabile del sito lago Maggiore e Dintorni. Archivio fotografico di migliaia di immagini sul lago Maggiore, provincia di Varese, canton Ticino, provincia di Verbania e provincia di Novara.

 

Additional Info

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 8 ore tra andata e ritorno comprese le soste
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Impegnativo
  • VALLE/LUOGO: Valle Anzasca - val d'Ossola
  • LUOGO DI PARTENZA: Macugnaga
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 1550 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 16 Km Ca. tra andata e ritorno
  • PERIODO CONSIGLIATO: Estate
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Nessun problema da segnalare
  • INTERESSE: panoramicostoriconaturalistico
Read 1754 times Last modified on Thursday, 13 August 2020 14:41

Calendario eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Vi consigliamo...

Più popolari