Thursday 9 July 2020
Thursday, 28 May 2020 14:54

Ponte di Piero - Monteviasco - Cascinelle - Alpe Corte - Torre del Merigetto

Rate this item
(4 votes)
La cappelletta sotto l'osservatorio astronomico a Monteviasco La cappelletta sotto l'osservatorio astronomico a Monteviasco Mario parietti

Bellissima escursione in parte ad anello in valle Veddasca con partenza da Ponte di Piero, salita a Monteviasco, Cascinelle, alpe Corte, capanna Merigetto e torre del Merigetto.

Siamo a Ponte di Piero comune di Curiglia con Monteviasco.

Come arrivare: l'escursione parte dal piazzale di Ponte di Piero dove parte la funivia per Monteviasco al momento chiusa.

 

Quest'inverno ero salito a Cascinelle, bell'alpeggio a monte di Monteviasco ripromettendomi di tornare nella bella stagione per fare nuove fotografie. Consultando la cartina avevo notato un sentiero (da Cascinelle verso l'alpe Corte) che non avevo ancora fatto e devo dire che l'escursione che ne è risultata è stata davvero molto interessante vuoi per la splendida giornata, vuoi per le fioriture primaverili, soprattutto di rododendri, vuoi per l'incantevole tratto panoramico e vuoi soprattutto bel il bel masso coppellato in cui mi sono imbattuto fotografando da un belvedere.

Massi erratici e belvedere sul lago Maggiore all'alpe Corte
Massi erratici e belvedere sul lago Maggiore all'alpe Corte

In effetti come ben sapevo la zona è ricca di queste testimonianze molto antiche presenti anche nella non lontana alpe Cortetti.

Il giro, parzialmente ad anello che vado a descrivere:

Ponte di Piero (549 m. s.l. m.) – Monteviasco (926 m. s.l.m.) – Cascinelle (1152 m. s.l.m.) – Alpe Corte – Capanna Merigetto (1498 m s.l.m.)  – Torre del Merigetto – Capanna Merigetto – Bivio per Viasco – Monteviasco – Ponte di Piero

La prima parte dell'escursione è la notissima mulattiera che tramite circa 1400 scalini in pietra porta a raggiungere Monteviasco partendo dal piazzale della funivia (al momento dopo un paio di anni dal tragico incidente la funivia non è ancora attiva); è un percorso che ho descritto più volte: oltrepassato il caseggiato della funivia ci si dirige verso Piero per prendere dopo pochi metri il sentiero sulla destra che sale in maniera continua ed evidentissima verso Monteviasco. Il tempo medio di salita è di circa 45 minuti, nel mio tragitto ho anche il piacere di incontrare i gentilissimi carabinieri che due tre volte alla settimana salgono al borgo per portare provviste ai pochi abitanti del borgo.

Giunti a Monteviasco tramite l'ultimo tratto di gradini dietro la chiesa della Madonna della Serta ci si dirige verso la stazione d'arrivo della funivia (svolta a sinistra dopo il fontanile) trovando presto le indicazioni per cascinelle (recenti e ben fatte); giunti alla cappelletta posta poco sotto l'osservatorio (uno dei numerosissimi punti panoramici che ci regala la passeggiata) si prosegue in falso piano per alcuni minuti fino ad entrare nella pineta dove il sentiero è composto da numerosi tornanti fino ad uscirne ormai alle porte di Cascinelle (io ho impiegato all'incirca mezz'ora dalla cappelletta).

La bella pineta che si attraversa per raggiungere Cascinelle
La bella pineta che si attraversa per raggiungere Cascinelle

La bella sorpresa è la fioritura di rododendri che formano un immenso tappeto di cespugli alle spalle dell'alpeggio.

A Cascinelle, alpeggio ormai abbandonato, si gode una bellissima vista sul lago Maggiore e su tutti i paesi del versante occidentale della valle Veddasca; io vista, la fioritura, mi avventuro tra i cespugli per fotografare fino ad incontrare, verso destra e proveniente dalle cascine il sentiero che cercavo per l'alpe Corte. E' decisamente evidente e per parecchia strada corrisponde alla conduttura dell'acqua. Il percorso è completamente aperto e la vista sulla valle Veddasca ed il lago Maggiore è davvero meravigliosa, al di là della mancanza di bollatura non presenta alcun tipo di difficoltà.

Panorama fiorito sul lago Maggiore
Panorama fiorito sul lago Maggiore

Con un tempo di percorrenza di un'oretta (anche parecchio meno però visto che per fotografare ho impiegato parecchio tempo) si giunge ad avvistare le cascine dell'alpe corte che rimangono sulla destra più in basso rispetto al sentiero in parte in mezzo al bosco.

All'alpe Corte è possibile fare scorta d'acqua vista la presenza di una fontanella e si può proseguire seguendo le indicazioni per la capanna Merigetto.

Superato un tratto ripido ci si trova di fronte ad un bivio dove si può proseguir per la capanna seguendo a piacimento una delle due direzioni; alle spalle dei cartelli in splendida posizione panoramica si può ammirare il masso coppellato.

Masso coppellato all'alpe Corte
Masso coppellato all'alpe Corte

 

Certo le coppelle, i piccoli scavi di forma tonda realizzati sulle rocce, possono lasciare indifferenti i più, non dimentichiamoci però che la loro realizzazione è antichissima e i loro ritrovamento è testimonianza di presenza umana in queste zone risalente a migliaia di anni prima di Cristo. Circa il significato si ritiene che i massi coppellati servissero per riti ancestrali legati alla natura e non si escludono riti sacrificali. Come dicevo in capo all'articolo ritrovamenti di massi coppellati e incisioni rupestri sono avvenuti in numerose zone di varesotto, val Grande e val d'Ossola (per citare le zone di cui sono solito parlare nel sito); all'alpe Corte alcune piode ricche di coppelle sono state utilizzate per la costruzione di cascine. Non dimentichiamoci poi che a Piero proprio nella località da cui ha preso avvio la nostra gita è presente un masso erratico che presenta incisioni rupestri.

Torre del Merigetto valle Veddasca
Torre del Merigetto valle Veddasca

In una quindicina, venti minuti in salita si arriva alla capanna Merigetto per concludere la gita alla torre; io ho seguito le indicazioni per l'alpe Agario per poi scendere alla torre attraverso i prati. Un altro sentiero che ho fatto al rientro unisce direttamente capanna e torre (si mantiene più in basso e parte dall'altro lato della capanna.

Lago maggiore e capanna Merigetto
Lago maggiore e capanna Merigetto

Dopo essere tornato all'alpe Corte per tornare a Monteviasco e quindi a ponte di Piero ho fatto la via classica, evidente e ben segnalata che ho già descritto più volte l'ultima in occasione dell'escursione Ponte di Piero monte Gradiccioli. Si scende attraverso il bosco fino al bivio per alpe Cortetti e Viasco, si prosegue verso destra per poi prendere la mulattiera dei 1400 gradini, già fatta a salire, una volta attraversato il borgo di Monteviasco. Dalla capanna Merigetto per rientrare a ponte di Piero ho impiegato circa 2 ore e 20 minuti. 

 

 

 

  • Per altre bellissime escursioni sul Verbano e nelle sue splendide valli puoi seguire questo Link. Un'apposita sezione è dedicata agli itinerari alla scoperta della Linea Cadorna nel Verbano Cusio Ossola e nel varesotto (Link).
  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: ci sono punti d'interesse, escursioni, aree verdi, ville, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato per il sito.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito    

 

Articolo scritto da Mario Parietti fotografo professionista di Luino provincia di Varese e responsabile del sito lago Maggiore e Dintorni. Archivio fotografico di migliaia di immagini sul lago Maggiore, provincia di Varese, canton Ticino, provincia di Verbania e provincia di Novara.

 

Additional Info

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 6 ore e trenta Ca. comprese le soste
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Media
  • VALLE/LUOGO: Valle Veddasca
  • LUOGO DI PARTENZA: Ponte di Piero
  • PARCHEGGIO: Gratuito e a pagamento
  • DISLIVELLO: 1050 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 10 Km ca.
  • PERIODO CONSIGLIATO: Primavera, Estate, Autunno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona. Il tratto da cascinelle non è però indicato né bollato
  • CANI: Presenza di animali al pascolo; al guinzaglio nel borgo di Monteviasco
  • INTERESSE: panoramicoculturalestoriconaturalistico
Read 1637 times Last modified on Thursday, 02 July 2020 08:58

Calendario eventi

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Vi consigliamo...

Più popolari