Venerdì 14 Dicembre 2018
Martedì, 14 Agosto 2018 00:00

Mondelli - Cortenero una passeggiata in Valle Anzasca

Vota questo articolo
(2 Voti)
La cappelletta all'alpe Colla ed Ambra La cappelletta all'alpe Colla ed Ambra Mario Parietti

Splendida passeggiata in valle Anzasca, in parte ad anello con partenza da Mondelli, caratteristica frazione di Ceppo Morelli.

Come arrivare: si percorre la strada statale del Sempione; si prende l'uscita di Piedimulera per poi risalire la valle Anzasca  con la SS 549, si supera Ceppo Morelli e dopo la galleria recentemente inaugurata si trova sulla destra la deviazione per Mondelli che si raggiunge con una piccola stradina non proprio in ottime condizioni; parcheggio gratuito all'esterno del paese.

Come arrivare: link alla mappa Google per arrivare a Mondelli

Mondelli (1181 m s.l.m.) - Alpe Motto (1584 m s.l.m.) - Alpe Colla (2oo1 m s.l.m.) - Alpe Corte Nero (2036 m s.l.m.) - Alpe Colla - Alpe Corte Vecchio (1478 m s.l.m.) - Mondelli

 

C'è tanta natura ma anche molta storia in questa bellissima passeggiata in parte ad anello in valle Anzasca. La partenza è a Mondelli graziosa frazione di Ceppo Morelli che conserva la caratteristica “Casa degli Specchi”, abitazione signorile dalle pareti affrescate, che deve il suo nome ad una stanza che si ispira all'illustre modello di Versailess. Venne edificata dai Giovan Battista Jacchetti che dalla valle Anzasca era emigrato con la famiglia in Francia in cerca di una vita migliore. La ottenne producendo specchi e quando fece ritorno nella terra natia costruì la splendida abitazione a 3 piani che possiamo ammirare ancora oggi; gli specchi fonte della fortuna di famiglia ricoprivano interamente le pareti di una stanza.

La
La "Casa degli Specchi" a Mondelli

Le vicissitudini italiane degli Jacchetti non furono altrettanto felici fino al punto che l'ultimo discendente dovette vendere parte dei ricchi arredi della villa che alla sua morte andò all'asta. Oggi “La Casa degli Specchi”, purtroppo non visitabile all'interno, conserva tutto il suo fascino, tra le curiosità e particolarità vi è un camino su cui è posto un veliero.

L'arrivo a Cortenero offre all'escursionista la visita di un alpeggio molto datato (alcune iscrizioni riportano inizio XVIII secolo) con le baite costruite interamente in pietra vista la difficoltà del trasporto del legno in quota, oltre alla presenza di massi coppellati che testimonierebbero un'origine parecchio più antica.

Parlando delle ricchezze naturalistiche della gita non si può non parlare delle cascate sul rio Mondelli che si trovano facendo delle deviazioni dal percorso principale dell'anello (ad una ho già dedicato l'articolo).

Le fioriture, salendo nella giusta stagione, incantano, con numerosi rododendri, arnica, orchidee selvatiche, giusto per citarne alcune.

Fioriture all'alpe Colla, l'arnica

Descrizione dell'itinerario.

Dopo aver visitato il paese, lo si attraversa, aiutandosi con i cartelli presenti, giungendo in pochi minuti al bivio che rappresenta l'inizio e chiusura dell'anello di giornata: a sinistra la direzione è per passo Mondelli e Alpe Corte Vecchio (da cui scenderemo al ritorno) a destra è per Alpe Mòt, Alpe Colla e Alpe Cortenero, la nostra meta finale ed i punti intermedi. Prendiamo a destra iniziando l'ascesa quasi interamente nel bosco e abbastanza ripida, per l'Alpe Colla (50 minuti circa come sul cartello) un pugno di baite in bella posizione panoramica.

Alpe Motto valle Anzasca

Salendo il bosco, che all'inizio era a prevalenza di faggi, si dirada, per far spazio ai larici. I rododendri fioriti sono numerosi ed allietano la camminata che ha begli scorci sul monte Rosa e vette circostanti. Da segnalare un numero considerevole di formiche, onnipresenti su tutto il sentiero, che daranno un grande fastidio alla mia cagnetta Ambra in particolar modo in fase di ritorno. Il percorso è ben visibile e segnalato; su un masso è ben visisbile l'indicazione per l'alpe Cortevecchio, sentiero che faremo in discesa. L'Alpe Colla si raggiunge in circa un'ora e 20 minuti dall'Alpe Mòt ed è davvero molto bella: offre un panorama a 360° ed è composta per la maggior parte da baite ristrutturate; in posizione discosta c'è una piccola cappelletta.

Nella parte bassa dell'agglomerato di cascine, verso destra, è possibile fare scorta d'acqua e proseguire per Cortenero; il sentiero, ben indicato, è appena sotto il fontanile.

Il sentiero che dal'Alpe Colla porta all'Alpe Corte Nero si percorre in un'ora scarsa e non è per nulla faticoso visto che i due alpeggi sono posti a quote quasi simili; bisogna solo mettere in conto alcuni saliscendi, alcuni guadi che possono complicarsi in caso di piogge abbondanti e qualche tratto a mio avviso un pelino esposto. L'Alpe Corte Nero, costruito interamente in pietra locale, si mimetizza nel paesaggio e quando comincia ad apparire all'orizzonte si fa un po' di fatica a distinguerlo.

Corte Nero Valle Anzasca
Corte Nero Valle Anzasca baite, cappelletta e masso coppellato

La caratteristica principale dei fabbricati è la tecnica utilizzata: la volta a botte ed in un paio di casi la più antica “falsa volta” che garantivano stabilità minimizzando le travature in legno. Abbandonato per alcuni anni Corte Nero è stato oggetto, nel 2004, di un importante lavoro di restauro conservativo nel pieno rispetto delle tecniche originarie di costruzione. Tra gli edifici caratterizzati dalla falsa volta “tholos” vi è il rifugio Bartolomeo Longa (donato al CAI, che l'ha ristrutturato nel 1981, dalla famiglia Longa).

Per il rientro si torna all'Alpe Colla e si segue la via fatta per salire fino ad un grosso masso che segnala, verso destra, l'alpe Corte Vecchio; il sentiero è evidente e porta (dal bivio) all'Alpe in meno di mezz'ora.

Corte Vecchio VAlle Anzasca
Corte Vecchio

Mantenendosi sulla sinistra orografica del torrente si scende seguendo i bolli bianchi e rossi (che sono in fase di ripitturazione proprio il giorno della mia gita) entrando presto nel bosco. Poco prima di chiudere l'anello arrivando al bivio, appena a monte dell'abitato di Mondelli, di cui parlavo all'inizio si trova il bivio per la cascata che merita deviazione e visita.

In paese incontriamo una signora in abito tipico che avevamo già salutato in mattinata: ha partecipato alla festa di san Bernardo a Macugnaga, importante manifestazione di origine medievale che si tiene annualmente nel mese di luglio.

Per orientarvi potete fare riferimento alla mappa della valle Anzasca Geo4 map quadrante Ovest (la trovate qui).

 

 

  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore e del lago di Lugano vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: oltre a numerose passeggiate ed escursioni ci sono i principali eventi e manifestazioni,  articoli dedicati ai borghi più belli, punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanità, chiese, cascate, ristoranti, attività commerciali e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito!
  • Se sei titolare di un'attività caratteristica, di un bed and breakfast, ristorante o albergo puoi avere un articolo di presentazione nelle apposite sezioni del sito raggiungendo un pubblico selezionato interessato al territorio (alcune informazioni e contatti a questo Link).

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Media
  • VALLE/LUOGO: Valle Anzasca
  • LUOGO DI PARTENZA: Mondelli frazione di Ceppo Morelli
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 1000 mt. ca.
  • LUNGHEZZA: 11,8 Km Ca.
  • PERIODO CONSIGLIATO: Estate
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Nessun problemi segnalato, possibile presenza animali al pascolo. Tante formiche.
  • INTERESSE: panoramico culturale storico naturalistico
Letto 2402 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Agosto 2018 13:10

Galleria immagini

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
Data : 2018-12-02
7
Data : 2018-12-07
8
Data : 2018-12-08
9
Data : 2018-12-09
10
Data : 2018-12-10
11
Data : 2018-12-11
12
Data : 2018-12-12
13
Data : 2018-12-13
14
Data : 2018-12-14
15
Data : 2018-12-15
16
Data : 2018-12-16
17
Data : 2018-12-17
18
Data : 2018-12-18
19
Data : 2018-12-19
20
Data : 2018-12-20
21
Data : 2018-12-21
22
Data : 2018-12-22
23
Data : 2018-12-23
24
Data : 2018-12-24
25
Data : 2018-12-25
26
Data : 2018-12-26
27
Data : 2018-12-27
28
Data : 2018-12-28
29
Data : 2018-12-29
30
Data : 2018-12-30
31
Data : 2018-12-31

Vi consigliamo...

Più popolari