Sabato 15 Dicembre 2018
Giovedì, 26 Aprile 2018 00:00

Traffiume - Cavaglio - Gurrone

Vota questo articolo
(3 Voti)
Immagine autunnale della valle Cannobina dalla chiesa di Gurrone Immagine autunnale della valle Cannobina dalla chiesa di Gurrone Mario Parietti

Circuito di san Carlo in valle Cannobina, prima tappa da Traffiume a Gurrone.

Siamo a Traffiume, cappella di Coss punto di partenza dell'escursione, parcheggi gratuiti in paese, ampio posteggio nei pressi della chiesa.

Come arrivare: link alla mappa Google

Circuito di San Carlo (Via Borromea) in valle Cannobina, prima tappa: Traffiume - Cavaglio - Gurrone

Carlo Borromeo effettuò una visita pastorale a dorso di mulo in Valle Cannobina visitando i maggiori centri abitati del territorio.

Cardinale ed arcivescovo di Milano in giovane età, fu molto attivo nel diffondere i dettami del Concilio di Trento che voleva rispondere all'ampio diffondersi della dottrina del Protestantesimo. Popolarissimo in vita venne proclamato santo nel 1610.

 

 

Se ad Arona venne costruita l'enorme statua che domina il lago Maggiore, di Carlo Borromeo si trovano un po' ovunque tracce che ne testimoniano opera e passaggio: proprio recentemente ho parlato del giro della Valsolda anch'essa meta di una visita pastorale e fu proprio Carlo Borromeo a promuovere l'edificazione dei Sacri Monti che per quanto riguarda il territorio di Lombardia e Piemonte sono stati dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.

Il circuito di san Carlo detto anche via Borromea è il percorso che Carlo Borromeo seguì nel 1574 partendo da Traffiume per arrivare a Finero.

Se purtroppo diversi tratti dell'antico tracciato sono andati persi nella costruzione di strade asfaltate, la passeggiata è comunque molto interessante e va ben oltre l'interesse di testimonianza religiosa. L'escursione segue infatti le antiche mulattiere che mettevano in comunicazione i paesi della valle Cannobina ed era un'importante via commerciale e di spostamento tra lago Maggiore, valle Cannobina e valle Vigezzo (a Cannobio si teneva e si tiene ancora oggi l'importante mercato domenicale dove erano vendute i prodotti delle valli).

Vecchia cascina in valle Cannobina
Vecchia cascina in valle Cannobina

Negli anni passati attraverso un progetto interreg sono stati posizionati numerosi pannelli che raccontano sia le tappe del viaggio di San Carlo sia l'antica cultura del territorio.

Il circuito di San Carlo, volendo, è percorribile in giornata organizzandosi con una seconda macchina a Finero, punto di arrivo; io ho deciso di percorrerlo a tappe, privilegiando l'esplorazione dei piccoli borghi che pur andati progressivamente spopolandosi sono ricchi d'interesse e meraviglie.

L'itinerario, in generale ben segnalato, prende avvio da Traffiume, frazione di Cannobio, celebre tra le altre cose per la presenza del bellissimo orrido di Sant'Anna, nei pressi della cappella di Coss, la prima delle numerosissime testimonianze votive presenti sul percorso (per la maggior parte purtroppo in condizioni molto degradate). La mulattiera sale subito in maniera decisa mantenendosi per lo più nel bosco che lascia intravvedere tracce di antichi terrazzamenti oltre a diverse cascine abbandonate. Nel tratto che porta al primo paese, Cavaglio Spoccia, s'incontrano i resti della “cappella della Torre” (così chiamata perché nelle vicinanze era presente una fortificazione eretta dai fratelli Mazarditi nel '400; i Mazzarditi, rifugiatisi nei castelli di Cannero, a quel tempo, compivano scorrerie e terrorizzavano la popolazione), i resti della cappella del S. Miracolo e della cappella dell'Erta Calda oltre alla cappellina del miracolo che ricorda l'episodio della caduta dal mulo di San Carlo dal mulo miracolosamente priva di conseguenze nefaste.

Quest'ultima si trova prima del tratto in discesa che porta a raggiungere il ponte in pietra di Geu che consente di attraversare il torrente per poi risalire verso il paese.

Cavaglio la piazza centrale
Cavaglio la piazza centrale, dettagli

Cavaglio merita la visita per i numerosi angoli caratteristici, i manufatti in pietra, la piazzetta con la torre campanaria e le antiche case addossate le une alle altre che formano i piccoli vicoli.

Gurrone non è lontano, un mezz'ora circa di cammino sulla strada asfaltata stretta e piuttosto ripida.

Panorama di Gurrone con la chiesa parrocchiale
Panorama di Gurrone con la chiesa parrocchiale

Oltre alle caratteristiche che ricordano quelle di Cavaglio a Gurrone si trova alla bella chiesa parrocchiale che domina il paesaggio ed è situata su di una balconata che è splendido belvedere sulla valle Cannobina. Sul piazzale della chiesa un manufatto circolare in pietra indica i principali punti d'interesse (in valle peraltro di simili ne sono stati posizionati diversi).

Per rientrare a Traffiume si percorre la strada fatta all'andata, anche se esiste un sentiero che collega Gurrone a Cavaglio (si prende in paese e si mantiene a monte rispetto alla strada asfaltata) che non prendiamo perchè ci dicono mal segnalato.

 

 

  • La passeggiata da Traffiume a Gurrone è soltanto una delle numerose escursioni presenti sul sito, fatta e fotografata appositamente per questo progetto; seguendo questo Link ne trovi molte altre, nelle valli piemontesi, sulle Prelpi varesine e nel territorio del canton Ticino.
  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: oltre alle escursioni ci sono punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanitò, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato. 
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito.

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 7 ore Ca. tra andata e ritorno comprese le soste e le visite ai paesi
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Facile
  • VALLE/LUOGO: Valle Cannobina
  • LUOGO DI PARTENZA: Traffiume cappella di Coss
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 550 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 12,5 Km Ca. tra andata e ritorno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Nessun problemi segnalato, tratti al guinzaglio
  • INTERESSE: panoramico culturale artistico storico naturalistico didattico
Letto 1509 volte Ultima modifica il Lunedì, 04 Giugno 2018 14:44

Calendario eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
Data : 2018-12-02
7
Data : 2018-12-07
8
Data : 2018-12-08
9
Data : 2018-12-09
10
Data : 2018-12-10
11
Data : 2018-12-11
12
Data : 2018-12-12
13
Data : 2018-12-13
14
Data : 2018-12-14
15
Data : 2018-12-15
16
Data : 2018-12-16
17
Data : 2018-12-17
18
Data : 2018-12-18
19
Data : 2018-12-19
20
Data : 2018-12-20
21
Data : 2018-12-21
22
Data : 2018-12-22
23
Data : 2018-12-23
24
Data : 2018-12-24
25
Data : 2018-12-25
26
Data : 2018-12-26
27
Data : 2018-12-27
28
Data : 2018-12-28
29
Data : 2018-12-29
30
Data : 2018-12-30
31
Data : 2018-12-31

Vi consigliamo...

Più popolari