Lunedì 18 Dicembre 2017
Lunedì, 05 Giugno 2017 00:00

Valganna miniera monte Martica – monte Chiusarella – Bregazzana – grotte Valganna

Vota questo articolo
(6 Voti)
Ambra sulle rocce rosse salendo al monte Martica Ambra sulle rocce rosse salendo al monte Martica Mario Parietti

Bellissima passeggiata ad anello tra valli e monti valgannesi, con tracce della linea Cadorna.

Siamo in Valganna, provincia di Varese, sulla SS 233. Piccolo spiazzo per parcheggiare all'inizio del sentiero.

Come arrivare: provenendo da Cunardo si oltrepassa il centro abitato di Valganna ed il piccolo lago di Ganna; poco dopo l'agriturismo San Gemolo (sulla sinistra), si trova, alla fine del rettilineo (sulla destra), lo spiazzo dove si può lasciare l'auto e si può iniziare la passeggiata (cartello del parco Regionale del Campo dei Fiori, sentiero del Giubileo).

In Valganna, a pochi minuti da Varese, è possibile fare passeggiate davvero interessanti che portano in località anche selvagge e spesso poco conosciute capaci di offrire sensazioni e panorami invidiabili rispetto a rinomati percorsi a quote più elevate e comunque molto più lontane rispetto ai centri cittadini. Il giro ad anello proposto è sicuramente una di queste, e son certo che non mancherà di soddisfare coloro che vorranno percorrerla.

Dalla provinciale, superata la sbarra che chiude l'accesso alle auto, si percorre un breve tratto di pista ciclabile fino ad arrivare alle strutture fatiscenti della vecchia miniera, proprio a fianco del torrente. Attraversata l'area attrezzata con tavolini, dove si trovano anche i cartelli del parco regionale del campo dei fiori, s'inizia a salire sull'ampio sentiero che con ampi tornanti porta al culmine delle strutture ormai quasi interamente ricoperte dalla vegetazione: arrivati ad una curva, subito dopo una torretta in muratura, s'incontra un grosso masso con un bivio importante con il sentiero che porta verso il monte Martica. Il consiglio è di procedere dritti e seguire l'evidente sentiero che risale la valletta dove, più in basso e non visibile, si trova la cascata Valvassera. Si cammina in alcuni tratti proprio di fianco al torrente, con possibilità, nella stagione estiva, di fermarsi per un bagno rinfrescante nelle pozze che si formano ai piedi di piccole cascatelle. Si ha l'impressione di essere un po' fuori dal mondo e dalla civiltà ma numerosi segnali parlano invece di una località un tempo importante e frequentata: in quest'angolo c'erano un tempo gli ingressi miniera e s'incontrano oltre a numerosi muri fatti con la caratteristica pietra rossa presente in zona alcuni reperti arrugginiti sul fiume dove il sentiero tende a perdersi.

Shop online del lago Maggiore
CERCHI UN'IDEA PER UN REGALO? DAI UN'OCCHIATA ALLO SHOP ONLINE DEL LAGO MAGGIORE

Chi non ama particolarmente avventurarsi in percorsi non evidenti e segnalati, può tornare al bivio di cui ho parlato sopra e salire al monte Martica seguendo la pista sempre evidente che porta a raggiungere la postazione in barbetta che appartiene alla linea Cadorna (sul sito ne avevo parlato descrivendo un altro anello che partiva e arrivava a Brinzio (Brinzio – monte Martica – monte Chiusarella – Rasa – Brinzio) tutti gli altri possono risalire le pendici del monte seguendo esili tracce con la possibilità di gustarsi questo angolo di varesotto davvero incantevole. Poco prima di, raggiungere il torrente che offre la possibilità di un agevole guado, sulla destra, si stacca un piccolo sentiero che, dopo aver attraversato una valletta in cui si passa un rigagnolo d'acqua, porta ad un accumulo di sfasciume che deriva dai lavori della miniera. Sopra di esso si trovano vecchie strutture fatiscenti che vanno oltrepassate: in lontananza, sulla sinistra, è ben visibile la cima del monte Chiusarella e si riescono a distinguere le voci dei ciclisti, mentre sulla destra s'intravede il tracciato che risale verso la Martica. Il paesaggio è davvero affascinante ed arricchito da numerose rocce rosse che formano interessanti sculture naturali.

Tenendo leggermente verso destra si sale, incontrando ad un certo punto una traccia ben evidente, che non è altro che il sentiero che sale dal bivio con il grande masso: la salita al monte Martica è quasi terminata manca giusto l'ultimo pezzo bello ripido ma non troppo lungo. E' il grande ritorno alla civiltà perchè la mulattiera che da Bregazzana porta al monte Martica è molto frequentata soprattutto dagli amanti della mountain bike.

Vetta del Monte Martica con la linea Cadorna
Monte Martica con la linea Cadorna ed i ciclisti: il sentiero che sale dalla Valvassera è di fronte, non visibile, a destra dei ciclisti di spalle

Dopo essersi riposati ne quadrilatero appartenente alla Linea Cadorna si prosegue dalla parte opposta da cui si è arrivati e si continua dritti lasciando sulla destra il sentiero che proviene da Brinzio. Poco oltre se si procede a destra e si seguono le indicazioni per il belvedere s'incontra un'altra postazione in “barbetta” della Cadorna molto simile a quella appena lasciata. Per il monte Chiusarella si continua a percorrere la mulattiera verso sinistra perdendo quota fino ad intravvedere in lontananza la cima con la croce raggiungendola, prendendo la deviazione segnalata, in circa un'ora di cammino. Accanto alla gippabile, per un certo tratto, corre, un po' più a monte e parallelo a questa, un piccolo sentiero: è un percorso alternativo meritevole di essere percorso anche per la splendida vista che regala (ad un certo punto si scorge anche il lago Maggiore con, ben visibili, le isole Borromee). Se pensate ad una sosta “mangereccia” il monte Chiusarella, con lavista che spazia a 360° è davvero l'ideale e non per niente è ben noto e frequentato dai varesini.

Monte Chiusarella
Monte Chiusarella, da uno dei sentieri che raggiungono la vetta dalla mulattiera

Il giro ad anello continua ritornando sulla mulattiera principale con uno dei sentieri che scendono dalla parte opposta da cui si è saliti per poi continuare la discesa verso Bregazzana: le segnalazioni sono abbastanza precise e non dovrebbero creare dubbi. Raggiunto il paese in circa un'ora dal Chiusarella lo si attraversa percorrendo le sue piccole vie fino ad incontrare e discendere una scalinata (Annibale Ticinese) dove continuando a sinistra si esce dal centro abitato e s'incontra il sentiero che in breve tempo scende alle grotte di Valganna con il suo bar ristorante recentemente riaperto. E' una zona di estrema suggestione ed interesse con diverse cascate e cascatelle (alla più famosa, ho dedicato un articolo quest'inverno con le foto notturne in versione ghiacciata). L'ultimo tratto di percorso per tornare alla macchina va percorso costeggiando la provinciale (per chi non è della zona una volta giunti al parcheggio bisogna continuare verso sinistra): si deve fare un po' di attenzione, le macchine corrono veloci, ma si riesce quasi sempre a percorrere parti sterrate a fianco della strada.

Cascata in Valganna
La cascata che s'intravede tornando alla macchina, proprio di fianco alla galleria

Una volta passato l'agriturismo con il laghetto per la pesca sportiva si percorre il rettilineo e si arriva ad uno spiazzo dove un sentiero s'inoltra vero il torrente con la cascata Valvassera e lo spiazzo iniziale con i tavolini; val la pena evitarlo e percorrere gli ultimi cento metri nel boschetto che fiancheggia la strada fino ad arrivare all'automobile.

  • Per altre bellissime escursioni sul Verbano e nelle sue splendide valli puoi seguire questo Link
  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: ci sono punti d'interesse, escursioni, aree verdi, ville, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato per il sito.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito!
  • Se sei titolare di un'attività caratteristica, di un bed and breakfast, ristorante o albergo puoi avere un articolo di presentazione nelle apposite sezioni del sito raggiungendo un pubblico selezionato interessato al territorio (alcune informazioni e contatti a questo Link).

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 6 ore 30 min. Ca. comprese le soste
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Media
  • VALLE/LUOGO: Valganna - Parco Regionale Campo dei Fiori
  • LUOGO DI PARTENZA: Valganna
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 750 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 15 Km
  • PERIODO CONSIGLIATO: Tutto l'anno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Discreta
  • CANI: Nessun problema segnalato, tratti al guinzaglio per presenza animali
  • INTERESSE: panoramico culturale naturalistico
Letto 3091 volte Ultima modifica il Mercoledì, 14 Giugno 2017 15:23

Galleria immagini

Vi consigliamo...

Più popolari