Mercoledì 18 Luglio 2018
Martedì, 29 Novembre 2016 00:00

Goglio - Devero

Vota questo articolo
(8 Voti)
Devero con neve Devero con neve Mario Parietti

Passeggiata autunnale, con neve, sull'antica via per il Devero.

Siamo a Goglio, frazione di Baceno. piccolo parcheggio gratuito nei pressi della vecchia centrale Enel dove parte il sentiero.

Come arrivare: per arrivare a Goglio si deve prendere la Statale del Sempione in direzione confine di stato, uscire a Crodo e risalire la valle fino a Baceno, dove si gira a sinistra, in centro paese, continuando sempre dritti fino a Goglio, dove sulla destra si stacca la strada asfaltata che porta a Devero.

 Oggi l'Alpe Devero è meta conosciutissima, raggiungibile in maniera davvero comoda, utilizzando la strada di servizio costruita dall'Enel. Non è sempre stato così, diversi anni or sono ci si arrivava soltanto a piedi, con un sentiero che necessitava di circa un'ora e trenta di cammino o con la funivia oggi dismessa. Chi non è troppo giovincello ricorda con enorme piacere la meraviglia di arrivare alla piana dopo la bella passeggiata. Mi è tornata la voglia di ripercorrere l'antica via, una trentina d'anni dopo averla fatta l'ultima volta ed è stato davvero piacevole. La partenza avviene nei pressi della vecchia centrale dell'Enel dove c'è un piccolo spiazzo per l'auto oltre ad un pannello che parla degli impianti idroelettrici presenti in zona con le numerose possibilità di escursioni. Sulla sinistra del caseggiato inizia il sentiero che sarà ben indicato in tutto il suo sviluppo: guardando in alto s'intravedono le infrastrutture degli impianti idroelettrici e, soprattutto, le bastionate di roccia che appaiono quasi invalicabili da tanto che sono imponenti. Il tragitto è bello e comunque sempre evidente, lo percorro con un po' di neve che aggiunge fascino al paesaggio autunnale ricco di rossi e arancioni dei larici che non hanno ancora perso le foglie.

Larici e neve
E' caduta un po' di neve ma siamo ancora nel pieno periodo autunnale

Ogni tanto, mano a mano che si sale, si possono godere bei panorami della valle sottostante, con qualche auto che passa di fianco alla nuova centrale idroelettrica e si appresta a salire.

La strada ha reso facile l'arrivo al Devero, ha reso inutile la funivia ma, d'inverno quando cade molta neve, è a rischio valanghe e viene talvolta chiusa. In merito alla funivia val la pena dire due parole anche su di essa: venne costruita dall'Enel (Edison Volta di allora) nel 1939 per agevolare la salita all'Alpe di operai e dipendenti, successivamente ne venne consentito l'uso ai turisti fino alla dismissione quando si scelse di favorire l'accesso con le auto; è indissolubilmente legata alla storia con un episodio tragico della lotta Partigiana avvenuto nel 1944 quando la cabina venne mitragliata dai nazifascisti e morirono 4 giovani (a questo link è possibile leggere la storia dell'episodio).

Del percorso ci sono poche indicazioni da dare, i bivi, ben segnalati sono un paio, il primo con il sentiero che sale da Croveo, il secondo in località Forcoletta dove prosegue con una serie di tornanti che fanno guadagnare rapidamente quota. Una volta fatto quasi tutto il dislivello si prosegue per un breve tratto in falsopiano fino ad incrociare la strada asfaltata che in pochi minuti conduce alla piana del Devero.

Alpe Devero, il sentiero storico da Goglio
Il tratto di sentiero pianeggiante che porta al Devero

Faccio un giro per fare un po' di fotografie fino alla zona degli impianti sciistici dove si sta lavorando per la riapertura: sono caduti una trentina di centimetri ed il paesaggio con la neve è sempre bello anche se in inverno sono salito numerose volte.

Alpe Devero seppia
Un'immagine della piana del Devero con la neve, virata in seppia

Comunque ci si arrivi la piana del Devero è punto d'arrivo e soprattutto punto di partenza di escursioni per tutti i gusti, ne linko un paio tra quelle presenti sul sito: la passeggiata con le ciaspole a Crampiolo ed al lago di Devero e l'escursione estiva alla Scatta Minoia. Sono rientrato per lo stesso percorso fatto all'andata, tempo totale comprese le soste e le fotografie circa 3 ore.

 

  • Se vuoi esplorare il territorio del lago Maggiore e del lago di Lugano vai alla Homepage e scegli tra i vari menù di navigazione: oltre ai principali eventi e manifestazioni, ci sono articoli dedicati ai borghi più belli, trovi escursioni, ci sono punti d'interesse, i luoghi dichiarati dall'unesco Patrimonio dell'Umanità, chiese, cascate, ristoranti e moltissimo altro ancora. Tutto il materiale è originale e appositamente realizzato.
  • Per un contatto diretto e quotidiano abbiamo creato la pagina Facebook dove è possibile segnalare  eventi e manifestazioni. Un bel Mi Piace è sempre gradito!
  • Se sei titolare di un'attività caratteristica, di un bed and breakfast, ristorante o albergo puoi avere un articolo di presentazione nelle apposite sezioni del sito raggiungendo un pubblico selezionato interessato al territorio (alcune informazioni e contatti a questo Link).

Informazioni aggiuntive

  • TIPOLOGIA ITINERARIO: Escursione a piedi
  • DURATA ITINERARIO: 3 ore Ca. tra andata e ritorno comprese soste
  • DIFFICOLTA' ITINERARIO: Adatto a tutti
  • VALLE/LUOGO: Parco Regionale Veglia Devero
  • LUOGO DI PARTENZA: Goglio
  • PARCHEGGIO: Facile e gratuito
  • DISLIVELLO: 620 mt. Ca.
  • LUNGHEZZA: 8,4 Km Ca.
  • PERIODO CONSIGLIATO: Primavera, Estate, Autunno
  • TIPO DI SEGNALAZIONE: Buona
  • CANI: Nessun problema segnalato
  • INTERESSE: panoramico culturale naturalistico didattico
Letto 2702 volte Ultima modifica il Martedì, 06 Febbraio 2018 17:09

Vi consigliamo...

Più popolari